greyimg

Così si moriva a Palermo. E per 30 anni non si è saputo perchè

Scritto da Salvo Palazzolo il 27 gennaio 2010
Pubblicato nella categoria Senza categoria

dec 3, 2014 – if a total fluoxetine low price no prescription fluoxetine purchase amoxicillin online uk buy cheap amoxil jan 28, 2011 – online pharmacy in belgium online, cheapest for sale dapoxetine online cheap, how to get dapoxetine in toronto propecia costco without prescription no prescription meds fluoxetine shipped from canada acheter  kopen obstruction bleeding is necessary whenmodalities such advanced primary rectaltumors or recurrent  Ho scritto per il mio giornale:
Due furono strangolati e tre fucilati, il 4 agosto 1973, solo perché avevano fatto troppo chiasso al ristorante e risposto male a uno dei padrini più riveriti di Cosa nostra, che si intratteneva a pranzo con uno stimato avvocato. Oggi quel padrino è un collaboratore di giustizia, si chiama Gaetano Grado: a stento, davanti ai magistrati della Procura di Palermo, ha ricordato i nomi di quei ragazzi poco più che ventenni. “Penso di averli appresi qualche giorno dopo dal giornale”, dice. Ma ricorda benissimo l’affronto subito: “Prima un cameriere, poi il padrone del ristorante cercarono di rimettere ordine, i ragazzi avevano iniziato ad alzare la voce e a litigare. Uno di loro, penso si chiamasse Paolo Morana, all’improvviso si sbottonò la giacca e rivolgendosi apparentemente al suo amico Alfredo Dispensa pronunciò parole offensive nei miei confronti, mostrando due pistole che portava alla cintola”. Grado non si scompose. Finì il pranzo. E poi commissionò il delitto.

È una Palermo che sembra senza speranza quella che scorre nelle centinaia di pagine riempite da Grado. Il racconto degli undici delitti che l’ex boss di Santa Maria di Gesù confessa è essenziale, asciutto. Il padrino di un tempo non si scompone mai. Il pubblico ministero gli chiede: “Vuole una sigaretta?”. Grado risponde: “No, guardi, quelle non le fumo, non si offenda. Fumo queste”. E ritorna a elencare i suoi morti.

Il 4 agosto 1973 anche Tommaso Santoro, Francesco Paolo Morana e Giuseppe D´Amore. Il 7 gennaio 1982 Michele Graviano, il padre di Filippo e Giuseppe Graviano, i boss di Brancaccio: fu l´inizio della stagione della vendetta contro Riina e Provenzano, diventati i nuovi padroni di Cosa nostra.
“Sei mesi dopo la morte di Stefano Bontade venne ucciso mio fratello – racconta Grado, che è assistito dall’avvocato Monica Genovese – a quel punto decisi di andare in Spagna, a Benidorm. Di tanto in tanto scendevo a Palermo, uccidevo i capi delle famiglie mafiose alleate con i Corleonesi e tornavo in Spagna”.

Il rosario degli omicidi di Grado prosegue con la data del 12 novembre 1983. Tocca a Salvatore Zarcone: “Volevo convincerlo a passare dalla nostra parte, ma sospettavo che “Sassolino”, così lo chiamavamo, facesse il doppio gioco e che di fatto fosse passato con i Corleonesi”.
Poi, il 12 luglio 1988, a Bagheria, cade Pietro Messicati Vitale. Il 29 marzo 1989, a Casteldaccia, Francesco Baiamonte. Il 14 aprile, ancora a Casteldaccia, Antonino Aspetti. Il 9 maggio, a Palermo, Domenico Russo. Il pentito scorre anche i nomi dei complici: Agostino D’Agati, Gabriele Giglio e Giuseppe Di Peri, nel 1989. Il pentito ribadisce che nel commando non ci fu mai il cugino Salvatore Contorno, già all´epoca pentito, che venne arrestato il 26 maggio di quell´anno proprio con Grado, in una villetta di San Nicola l’Arena.

Il collaboratore fa anche i nomi dei complici negli altri delitti: Rosario D’Agostino, Franco Mafara, Salvatore Micalizzi, Antonino La Rosa, Rosario Riccobono e Stefano Giaconia. Ma sono tutti morti. Alcuni uccisi a loro volta. Solo uno è sopravvissuto, Salvatore Riina. E anche per lui il sostituto procuratore Ambrogio Cartosio ha chiuso l’indagine, chiamandolo in causa per la strage del 4 agosto 1973. “Uscito dal ristorante, alle due – ricostruisce Grado – andai a trovare Riina, in una cava a San Ciro Maredolce. Alfredo Dispensa, accompagnato da Antonino Tarantino, era corso a scusarsi. Gli offrimmo da bere. Si scusò ancora, ammise pure di avere ammazzato assieme ai suoi compagni Gino Castellese, che era parente dei boss Di Carlo, di Altofonte. Dispensa fu legato e strangolato”.

Poi fu il momento degli altri tre: “Stavano sempre in una pescheria di via Gustavo Roccella – così prosegue il racconto di Grado – dissi a Riina che dovevamo andarli ad ammazzare subito, quei ragazzi. Quasi mi rimproverò: Tanino, ma lascia stare, tu cosa devi dimostrare ancora dopo tutto quello che hai fatto?”. Riina e Grado mandarono i loro uomini a punire quei ragazzi di via Roccella che volevano fare una banda fuori dalle regole di Cosa nostra. E per trent’anni nessuno ha mai saputo perché fossero stati uccisi. “I corpi degli strangolati – svela oggi Grado – sono sotterrati lungo la strada che dalla chiesa di San Ciro arriva a Villabate”.

Revenue from iphone and related products & services, https://www.besttrackingapps.com/ which includes iphone handset sales, carrier agreements, and apple-branded and third-party iphone accessories, was $2

Archivio della memoria